• Sab. Dic 4th, 2021

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

Cose da mangiare e da bere

  • Home
  • Uno dei molti cuori della Lunigiana: i funghi

Uno dei molti cuori della Lunigiana: i funghi

I più pregiati sono il Boletus edulis, il Boletus aestivalis e il Boletus aereus, ma apprezzatissimi sono anche i galletti, le trombette dei morti, ovuli e i rarissimi prugnoli ,…

Antipasto, merenda, cena, un cibo per ogni occasione: gli sgabei

L’origine, come spesso accade per le ricette più gustose, è umile: gli sgabei nacquero come soluzione per non sprecare gli avanzi dell’impasto per fare il pane. Nella valle del Magra…

Ognissanti e festa dei morti: la tradizione trapassata del “ben di morti”

Spesso mi domando se sia indispensabile assorbire acriticamente e scimmiottare tutto quanto ci viene propinato dall’estero. Se sia proprio inevitabile lasciarci colonizzare anche nelle tradizioni, oltre che nella lingua, nella…

La castagna, pane degli apuani e i suoi mille usi nel ricettario massese

Ottobre e novembre sono i mesi del castagno, che in terra apuana era chiamato anche “albero del pane” per il grande e prezioso apporto che diede alla popolazione durante la…

Antichi, sostanziosi, buoni: i tajarin ‘n ti fasoli

Pare che fossero il piatto preferito da Cicerone: all’epoca, la pasta lunga, simile alle moderne tagliatelle, si chiamava sagna e veniva cotta nella stessa pentola in cui bollivano i fagioli,…