• Dom. Mag 26th, 2024

Diari Toscani

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

Prenditi cura di te: partita la campagna della Pubblica Assistenza per l’open day di sabato 21 ottobre

DiDiari Toscani

Ott 16, 2023

Controlli medici gratuiti per tutti, sabato 21 ottobre negli ambulatori della Pubblica Assistenza in via Nazario Sauro a Marina. È partita la campagna della Pubblica Assistenza di Carrara intitolata “Prenditi cura di te” che prevede una giornata di prevenzione, mettendo a disposizione gli ambulatori di via Nazario Sauro a Marina per controlli medici gratuiti. Dalle 10 alle 13 sarà possibile usufruire a costo zero di visita pneumologica, cardiologica, ortopedica o del primo colloquio psicologico. Un’iniziativa rivolta alla comunità per rilanciare il tema dell’importanza della salute in un momento di criticità del welfare.  Quattro gli specialisti coinvolti nel porte aperte: la dottoressa Rigoletta Vincenti, pneumologa, il dottor Walter Serra, cardiologo, il dottor Angelo Fascetti, ortopedico e la dottoressa Sara Barbera, psicologa e psicoterapeuta. Nell’arco della mattinata i pazienti potranno sottoporsi a spirometria, saturimetria, elettrocardiogramma e misurazione della pressione.

“L’obiettivo –  ha spiegato la dottoressa Vincenti, direttore sanitario della struttura – è quello di diffondere una cultura della prevenzione, garantendo la possibilità di controlli anche alle fasce deboli della popolazione. Sappiamo che il costo delle visite specialistiche non è sostenibile per tutti. La Pubblica Assistenza è un ente no profit, i medici che operano presso i nostri ambulatori sono consapevoli della valenza sociale del progetto e aderiscono a quell’idea di restituzione che è alla base dell’attività dell’associazione. Gli open day  rientrano in questa logica”.  Per accorciare i tempi di attesa, è consigliabile prenotare l’appuntamento gratuito chiamando il numero 0585.633333, attivo dal lunedì al sabato negli orari 9/12 e 15/19. È possibile contattare la segreteria anche per informazioni su tutte le attività presenti all’interno del centro ambulatoriale.”Le prestazioni a pagamento che si eseguono qui – ha ricordato la dottoressa Vincenti – servono a finanziare altri servizi per la collettività. Il ricavato, al netto dei costi, viene reimpiegato in attrezzature per i mezzi di soccorso, formazione dei volontari, iniziative di prevenzione”.