• Dom. Gen 16th, 2022

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

Località Sarchia (Massa), comitato Una montagna da salvare: “Dopo mesi nessun intervento di messa in sicurezza”

DiDiari Toscani

Gen 9, 2022

Risale al 12 novembre del 2021 la richiesta di alcuni residenti della località “Sarchia” a Pariana, frazione di Massa, di un intervento per la messa in sicurezza della strada.
I residenti si erano rivolti al comitato Una montagna da salvare il quale aveva provveduto a segnalare la questione invitando l’amministrazione a intervenire.
Ad oggi (domenica 9 gennaio) nulla è cambiato – commenta Daniele Tarantino, referente del comitato – e siamo stati contattati nuovamente dai cittadini. La ripida strada continua a essere piena di buche ‘sistemate’ dai residenti per evitare di forare le gomme. Continua la pericolosità in quanto il tratto è privo di guardrail e si rischia di precipitare nel dirupo sottostante. In alcuni punti è protetta da staccionate di legno marcito: basta toccarle che cedono. Tuttavia, la strada è trafficata dai residenti i quali hanno paura a percorrerla, soprattutto con il buio essendo, in certi punti, priva di illuminazione. I residenti hanno raccontato di aver sollevato un’auto, finita oltre la strada con una ruota, con il rischio di precipitare nella scarpata”.
Non va meglio in via Cirimea – prosegue Tarantino – nei pressi della fonte Cristallo. Anche in quel punto un’auto, in questi giorni, è uscita di strada con le ruote laterali e alcuni residenti sono riusciti ad aiutare il malcapitato e ad evitare il peggio”.

I residenti, inoltre, colgono l’occasione per segnalare uno smottamento che è in fase attiva da febbraio 2021: “Il materiale continua a scendere sulla strada – denunciano –. Chiamiamo, ma non viene nessuno”.

Il comitato Una montagna da salvare, che raccoglie queste segnalazioni, invita l’amministrazione comunale a prendere in considerazione le richieste dei cittadini delle zone montane indicate e a intervenire garantendo la sicurezza sulle strade comunali a salvaguardia della pubblica incolumità.