• Sab. Dic 4th, 2021

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

A Carrara “Gocce di emozioni”, le poesie di Eleonora Laquidara

DiDiari Toscani

Ott 12, 2021

Una sensibilità acuta, infinita e sovresposta che si discioglie in gocce: Gocce di emozioni è l’azzeccato titolo della raccolta di poesie di Eleonora Laquidara, psicologa, docente e poetessa carrarese, che sarà presentata mercoledì 13 ottobre, negli spazi dei Fondi Giannotti a Carrara alle ore 18.

Il libro, che alterna liriche a disegni e a immagini realizzate dall’autrice, nasce a compendio del percorso fatto dall’omonima pagina Facebook aperta da Eleonora Laquidara nel 2017: una piccola finestra sul mondo dalla quale l’autrice ha cominciato a liberare un po’ del suo ricchissimo mondo interiore, in una sorta di fiume impetuoso intriso di lacrime e di sorrisi. Il dolore e la bellezza, come balsamo alla sofferenza, sono i temi più cari alla poetessa, filtrati in una costante, osservazione della natura, reale specchio dell’anima. Tra piogge e tramonti, sole cocente e tante nubi, fiori inconsapevoli e animali sfuggenti si delinea l’anima di Eleonora Laquidara, i suoi gridi interiori, il suo dolce approccio a una vita, che non è mai grata per nessuno. Sicuramente vicina alla ruvida spontaneità dell’art brut, Laquidara risente, anche e soprattutto, di una profondo amore per i colossi della poesia italiana, che spuntano dai suoi versi come boe in una traversata in mare aperto: Leopardi, Carducci, Pascoli, Montale, Ungaretti.
L’autrice stessa li indica come suoi maestri e quindi come parte di quella bellezza onnipresente che sempre consola ogni “male di vivere”.

Gocce di emozioni è un’autopubblicazione i cui introiti saranno interamente devoluti all’associazione Arco di Pisa che si dedica alla ricerca sul cancro.

L’evento ai Fondi Giannotti è organizzato da F.I.D.A.P.A. Massa Carrara e sarà introdotto dalla neo presidente Marzia Grassi. Il dottor Lanmarco Laquidara, padre di Eleonora, leggerà alcune liriche estratte dal libro, accompagnato al pianoforte dalla professoressa Carla Benedetti, madre dell’autrice.