• Gio. Mag 30th, 2024

Diari Toscani

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

D’amore ci si ammala, d’Amore si guarisce di Anna Maria Sepe e Anna de Simone per imparare ad amare soprattutto se stessi

DiSelenia Erye

Ago 23, 2023

Mi piace osservare le persone che mi circondano, ne sono sempre incuriosita, specialmente quando stanno leggendo e sono immerse nelle pagine di un libro che tengono tra le mani.  Mi scatta subito la curiosità di sapere quale sia il titolo di quel libro, quale sia il motivo che li ha portati a sceglierlo. La scorsa settimana mentre stavo amabilmente chiaccherando con una delle mie giovani colleghe del nido,  ho visto che estraeva dalla borsa un libro dal titolo interessantissimo: “D’amore ci si ammala, d’Amore si guarisce” di Anna Maria Sepe e Anna de Simone, Rizzoli editore. Abbiamo iniziato a parlarne ed ho notato nel suo sguardo un lampo di felicità: il suo entusiasmo è stato contagioso, proprio per questo ho deciso di leggerlo. La prima pubblicità per un libro è il passaparola, chi non è d’accordo con me? Molti libri ti aiutano a superare i momenti difficili, a vedere le situazioni da altre angolazioni, dandoti chiavi di lettura sempre nuove. Questo è sicuramente uno di questi: si parla di rapporti di coppia, di difficoltà, di come salvaguardare la propria integrità sentimentale. Spesso si ricerca in questo tipo di libri la formula magica che ci porti a capire come  comportarci e a non farci schiacciare dai sentimenti, quando questi prendono delle direzioni lontane dall’essere sane. Una guida per svincolarsi dalle trappole che compromettono la vita di coppia, per arrestare gli automatismi che generano sempre gli stessi circoli viziosi. È  sempre difficile imparare ad amarsi,  amare le proprie fragilità  e porre le basi per un rapporto sano anche con gli altri. Devo ammettere che la frase trita e ritrita che dice: prima di amare gli altri ama te stesso, sta cominciando a darmi sui nervi, perché è chiaro che non è affatto semplice. Questo libro si legge bene, è scorrevole, può davvero dare un sostegno e delle risposte alle giovani donne che stanno cercando di mettere dei confini nella loro vita. Forse io ho iniziato davvero molto presto a farmi simili domande, a capire che purtroppo il percorso di accettazione e di amore verso se stessi non è così facile. Ho trovato il libro utile, adatto a chi sta cercando, in questo momento, un sostegno concreto. Girerò presto il titolo alle donne che conosco, la maggior parte delle quali è alle prese con simili problemi, sono molto ricorrenti, purtroppo. Allo stesso tempo mi sento di dire che è importante fare tesoro di certi suggerimenti, ma  di non restare intrappolate nel tentativo di trovare la risposta immediatamente. Affannarsi non serve: il tempo ci farà ritrovare l’amore per noi stesse, quell’amore innocente che ha contraddistinto i nostri primi anni di vita, quando amarsi è una cosa naturale e non ci si pongono troppe domande in proposito.

Quindi care lettrici abituali o  occasionali: leggete questo libro, se ne sentite il bisogno, discutetene e consultatelo quando avrete quesiti in proposito. Allo stesso tempo vi consiglio di tornare ad avvicinarvi alla vostra essenza per riscoprirvi. Amate l’amore e la vita con tutto ciò che ne consegue e sarete sempre più ricche. Nulla è facile e scontato, la vostra ricetta la troverete provando a vivere e ad aggirare gli ostacoli, gli ingredienti li calibrerete con il tempo. Non siate mai troppo severe con voi stesse, provate ad assolvervi: nessuno è perfetto, guardatevi allo specchio e scoprite la meraviglia e la bellezza che sprigionate. Con questa ultima affermazione è tutto. Vi aspetto per il prossimo consiglio librario, perchè i Libri d’amare non vanno mai in vacanza.