• Gio. Mag 30th, 2024

Diari Toscani

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

Noi che non siamo come le altre: Lucia Extebarrìa racconta le donne, gli uomini e l’amore

DiSelenia Erye

Ago 10, 2023

Vi è mai capitato di addormentarvi con il libro che stavate leggendo? Avete mai fatto in modo di tenerlo lì, accanto a voi, come se aveste il timore che qualcuno potesse portarvelo via o entrare nel mondo che avevate creato con “lui”? A me capita. Non con tutti i libri che leggo, ovviamente, ma con alcuni sì. La sera li sistemo al mio fianco e durante la notte dormo in modo tale che non si rovinino. Questa settimana ho condiviso la mia quotidianità con un libro che mi ha appassionata, fatto star male, reso difficile la lettura, ma, allo stesso tempo, mi ha rapita nei meandri della storia che racconta. “Noi che non siamo come le altre” di Lucìa Etxebarrìa, mi ha travolto con la sua forza, con la passione delle storie narrate con maestria e consapevolezza. La penna audace di Extebarrìa mostra come la complessità della conoscenza si fonda perfettamente con la semplicità dell’autenticità, perché chi narra il vero riesce ad esprimerlo semplicemente ed è sicuramente molto comprensibile. “Noi che non siamo come le altre” è l’intreccio sottile di vite di donne, che, pur sentendosi diverse dalle altre, vanno a rappresentare alla perfezione il mondo femminile in tutte le peculiarità che lo contraddistinguono. Donne con una moltitudine di sfaccettature, di gradazioni sentimentali, di reazioni evocate da determinate azioni. Donne alle prese con i rispettivi amanti, descrizioni minuziose ed eleganti capaci di far rivivere le stesse emozioni provate da queste protagoniste alla ricerca di sé stesse e della propria strada nel mondo. Silenzi, abbandoni e amori e poi vi è la descrizione degli uomini, con la loro presenza imponente, nonostante l’invisibilità di alcuni, perché infondo le presenze si fanno sentire anche con le assenze. La scrittrice ci offre una lucida ricerca su come sono le donne, gli uomini, il loro modo di stare insieme e vivere le storie d’amore. Gli affanni, l’infanzia e i traumi che in molti si portano appresso e che segnano inevitabilmente il presente. Un libro che consiglio caldamente, perché fa riflettere, perché rapisce e ti porta via con sé. Amo il potere salvifico della lettura, ti trasporta in lande desolate ed in mondi tutti nuovi, anche se nuovi non lo sono per davvero. Leggete ed amate il vostro presente anche se porta con sé difficoltà, ne trarrete sicuramente insegnamento.

Vi aspetto per l’appuntamento della prossima settimana con la rubrica “libri d’amare”, con piacere ricevo i vostri messaggi ed i vostri consigli.