• Dom. Mar 3rd, 2024

Diari Toscani

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

Epiteti e modi di dire in carrarino

DiTiziana Telara

Mar 20, 2023

prima parte

Cosa sono gli epiteti?  Semplicemente gli aggettivi e i nomi che i carrarini, da sempre, accostano  a persone  che si distinguono  per le loro  caratteristiche, abitudini, comportamenti, stati d’ animo. Ho cercato di raccoglierli mettendoli in ordine alfabetico,  riportando, a fianco,  la traduzione.

I è agunit                                                                           È avvilito

I è arguaiat                                                                        È ordinato

I è arlicat                                                                            persona tirata al lucido

I è ar’nghirlit                                                                      È infreddolito, irrigidito dal freddo

A l’ è ‘na baldraca                                                             Donna di facili costumi

I è un baltrò                                                                       È tonto

I è un bel’mbust                                                                È un bel tipo (in senso dispregiativo)

I è un biscjioton                                                                 È un brontolone

I ‘ è un po’ blò                                                                    È  melenso,  stupidotto

I è ‘na boca di scì e d’ no.                                                 Detto di persona non affidabile

I è a brindeli                                                                        Detto di cosa o persona  ridotta male

a l’ è ‘na bec’rona                                                              È  una donna sguaiata, rozza, che  quando parla alza la voce.

I è biscenfi                                                                           È molto gonfio , anche essere molto sazi.

I à ‘l buz eletrich                                                                 Ha la pancia elettrica (è uno che mangia tanto )

I è com Camil, grand e sutil                                              È come  Camillo, grande e esile

I è un capocion                                                                   È  un testone (duro di comprendonio o testardo)

I è un caporion                                                                    È uno che vuole comandare

I’ è una cartassuga                                                              È una carta assorbente (detto ci chi beve molto e di tutto)     

I e’ n’ c’nd’ron                                                                      È uno che non presta attenzione  a come va vestito, trasandato

I è un colator                                                                        È    un colino (detto di chi spiffera segreti)      I’ è un faiol                                                                                        È  un mascalzone

I è un farabulan                                                                    È uno che le spara grosse

I è un fen’fen                                                                        È  uno che ha poca resistenza

I’ è un furaboschi                                                                 È  uno sveglio( detto di bimbo che non sta mai fermo, birichino)

I è un furaz                                                                            È  uno che ha sempre da fare

I è un futignin                                                                       È  un traffichino

I è un gambestr                                                                    È  un furbone

I è un gavudjon                                                                    È  un disordinato, che mette confusione

I  è un ghelf                                                                           È  uno furbo, astuto

A l’è ‘na g’r’nd’nona                                                            È  una disordinata (persona che non ha

                                                                                                 cura del proprio aspetto, coi capelli arruffati)

I è un grusan                                                                         È  uno ignorante, rozzo

I è ‘na lantina                                                                        È  una altalena ( detto di chi è volubile)

I à i lerfi d’ mic                                                                      Ha le labbra d’ asino

A l’ è una lolò                                                                        È  melensa

I è los                                                                                      È  melenso

I’ è ‘na lutania                                                                       È  magro scheletrico

I è un mablò                                                                          È  uno stupidotto

I è un magna e dorma                                                         È  uno che non ha voglia di fare niente

I è ‘na mezza carica                                                              È  di bassa statura

I è ‘na mezza sega                                                                È   di bassa statura

I è un moc’con                                                                      È  un ragazzino, un moccioso

I è un mutrignon                                                                  È  uno che parla poco ma fa di fatti

I è un paciugon                                                                     È  un pasticcione, un intruglione

I è un palandron                                                                   È  uno sfaticato, un fannullone

I en sgrez’li                                                                             È  gente da poco