• Mar. Giu 28th, 2022

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

Massa: a Villa della Rinchiostra gemellaggio enogastronomico Italia-Israele

DiDiari Toscani

Apr 27, 2022

Conoscere e condividere radici e tradizioni culinarie e coltivare la speranza per un mondo migliore, di dialogo, di pace: questi temi sono alla base della manifestazione enogastronomica organizzata dall’associazione Apuana Italia-Israele che si terrà nei pomeriggi di giovedì 28, venerdì 29, e sabato 30 aprile a Villa della Rinchiostra a Massa.
L’evento, un vero e proprio gemellaggio enogastronomico Italia-Israele con degustazioni, cooking show e convegni.
Nello scenario di Villa Rinchiostra l’evento che parte dal cibo, dai prodotti e dai piatti tradizionali di due paesi per riflettere su storia e tradizioni comuni vuole essere un’occasione di confronto e conoscenza, di condivisione di tradizioni e culture ma anche di saperi e di saper fare, di metodi di coltivazione ed innovazione tecnologica, un’iniziativa culturale e di amicizia tra i territori apuani e quelli dello stato d’Israele, un gemellaggio enogastronomico che può diventare commerciale e gettare le basi verso un possibile futuro gemellaggio tra Massa e una città israeliana.

Cibi e i vini tradizionali d’Israele si uniranno alle tipicità apuane, ai vini delle colline del Candia. Saranno gli esperti dell’associazione Italiana Sommelier a presentare e far degustare i prestigiosi vini, mentre gli agricoltori di Campagna Amica animeranno il parco e chef israeliani e della riviera ligure, apuana e versiliese si confronteranno sul tradizionale cibo Kosher. Da non perdere lo show cooking dello chef Federico Benedetto, giovedì 28 alle 18.30, che creerà per l’occasione una pasta a base di farina e ceci da assaporare. Venerdì 29 sarà la volta dello chef Shai e sabato 30 dello chef Tze’ela Rubinstain.

Ogni giornata si aprirà alle 15.30 con i saluti istituzionali. Spazio poi a dibattiti e presentazione di libri: Rolando Paganini, chef lunigianigianese, parlerà dei prodotti tipici lunigianesi (28 aprile, ore 17.30), Emanuele Bertocchi del “Miracolo dei prodotti tipici storia e futuro” (29 aprile, ore 17.30) e Nicola Iacopetti presenterà il suo nuovo libro “Uomini di pietra” (30 aprile, ore 17.30).

Venerdì 29 alle 16 è in programma una tavola rotonda sulle prospettive di un’offerta per nuova clientela di prestigio, che avrà come protagonisti prestigiosi chef intervistati dal giornalista e scrittore apuano Alberto Sacchetti: Francesco d’Agostino (La Martinatica, Pietrasanta), chef Gianni D’Amato (Miranda Tellaro), chef Roberto Antonioli (Da Riccà, Marina di Massa), Simona Fochi (Acino Nero, Marina di Massa), Di Giovanni Jr. (Gilda, Forte dei Marmi), chef Tze’ela Rubinstein (Cooking in Tuscany), chef Shai Levari (Personal Chef in Israele).

Oltre ai De.Co., i prodotti a denominazione comunale d’origine, madrina della manifestazione sarà l’Acqua Fonteviva. Nelle sale della villa saranno inoltre mostrati filmati sulle storie dei viticoltori del Candia doc, sui paesaggi israeliani ed apuani per illustrare le tante e opportunità di sviluppo turistico e commerciale.

Al termine della kermesse enogastronomica saranno consegnati attestati di gemellaggio agli chef israeliani e italiani ed un premio speciale ad una bottega storica della città.

La tre giorni è stata presentata in conferenza stampa martedì 26 aprile a palazzo civico dal sindaco Francesco Persiani con l’assessore alla cultura Nadia Marnica insieme al presidente dell’Associazione apuana Italia-Israele Adelino Frulletti, Lorenzo Porzano per Evam, alle rappresentanti di Coldiretti e dell’associazione Sommelier.
L’evento è patrocinato dal comune di Massa, dalla provincia di Massa-Carrara e dalla Camera di Commercio di Massa Carrara con la collaborazione dell’ambasciata d’Israele in Italia, dell’azienda Evam con l’acqua Fonteviva, dell’istituto alberghiero “Minuto” e del liceo musicale “Palma”, di Coldiretti con le aziende e i produttori di Campagna amica, dell’associazione italiana Sommelier, delle aziende Vere emozioni delle nostre terre e Rinaldi superforni.