• Gio. Lug 18th, 2024

Diari Toscani

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

Campionati italiani di Orienteering: i vincitori della tappa a Campocecina

DiDiari Toscani

Set 18, 2023

Nell’impegnativa gara Middle di Orienteering a Campocecina vincono il trentino Mattia Debertolis (US Primiero) e la compagna di squadra Anna Pradel. Il successo finale della Coppa Italia va al perugino Francesco Mariani (100 punti Pol Masi) e alla trevigiana Jessica Lucchetta (79 punti -Tarzo).  Sul secondo gradino del podio di giornata anche Francesco Mariani (Pol Masi), Elena Pezzati (Fonzaso). Bronzo per il trentino Damiano Bettega (GS Pavione) e Maddalena De Biasi (Or Tarzo).

Nella graduatoria generale della challenge nazionale se Mariani primeggia con ampio margine davanti a Damiano Bettega (93 punti GS Pavione) e Roberto Dallavalle (73 Gronlait), al femminile la lotta è stata incertissima fino all’ultimo con Lucchetta che dopo un’intera stagione precede di un solo punto Maddalena De Biasi (78 punti – Tarzo), Anna Pradel con 77 ed Elena Pezzati (74 punti – Fonzaso).

La challange nazionale, ha visto, al  maschile, appaiati Samuele Tait e Francesco Mariani con 66 punti. Tra le donne in testa c’era Viola Zagonel davanti a Jessica Lucchetta e Maddalena De Biasi.

Nella M20 ha vinto Leonardo Grisenti (Ori Pinè), e al femminile Elis Angeli (GS Folgore). Tra i più giovani oro per Alessia Rigoni (GS Pavione) e Mattia Corona (US Primiero).

Si è gareggiato nella località toscana di Campocecina, situata nelle montagne che sovrastano Carrara e che ha visto al via 700 concorrenti suddivise nelle varie categorie. La prova Elite prevedeva 300 metri di dislivello per gli uomini, 19 punti di controllo, e 250 per le donne, con 13 punti di controllo.  In questo week end di gara erano al via quasi tutti i migliori interpreti della disciplina a livello nazionale a partire dal vincitore, Mattia Debertolis che ha confermato di essere in crescendo di forma:“Dopo gli infortuni di inizio stagione sono finalmente sulla via del pieno recupero ed anche i test della scorsa settimana sono stati molto positivi. Per me è il primo successo del 2023”.  Entrambi i vincitori hanno concordato sulla durezza dei tracciati, soprattutto nella fase centrale, in una faggeta che non sempre permetteva di correre in velocità. Anna Pradel, che a novembre si laureerà in Scienze Infermieristiche, ha invece colto la sua seconda affermazione stagionale: “Avevo vinto in primavera a Corno alle Scale, prima di incappare in un infortunio. La mia stagione di Orienteering in bosco si chiude qui. Ora devo decidere cosa fare del mio futuro, tra studio e lavoro, l’unico punto fermo resta l’Orienteering”. Per Mariani e Lucchetta, vincitori della Coppa Italia, la conferma di solidità tecnica e costanza di rendimento. Per Mariani, al secondo anno nella massima categoria, è un’affermazione che lo proietta tra i fari del movimento. Entrambi hanno dato appuntamento all’Europeo che si tiene dal 4 all’8 ottobre in Veneto. “Invitiamo tutti a seguirci”.  Da segnalare il successo di Elis Angeli, che gareggia per la società GS Orienteering Folgore che ha organizzato la competizione. “Per me una prova con alcune sbavature. Nonostante tutto è arrivato un successo di prestigio che ripaga la nostra squadra dei tanti sforzi sostenuti”.  Il tracciato  di Camopocecina è stato ideato da Emiliano Corona e prevedeva sforzo fisico, oltre alle insidie tecniche, su un terreno a tratti scivoloso e dalla visibilità limitata. Ottimo il bilancio organizzativo del GS Orienteering Folgore del presidente Giancarlo Angeli: “Abbiamo avuto 1.500 partecipanti in 2 giornate. Un risultato importante per il nostro debutto a livello nazionale, affrontando una sfida decisamente impegnativa, con un campionato italiano sprint ed una finale di Coppa Italia”. Angeli ha spiegao anche la scelta di Campocecina, pur essendo la sua famiglia di Serravezza : “Abbiamo voluto recuperare una zona su cui già nel 1991 si era realizzata una mappa da Orienteering. Certo abbiamo dovuto intervenire e rifarla, ma il terreno era decisamente adatto a questo sport. Abbiamo vinto la nostra sfida, attirando l’attenzione del territorio che è rimasto colpito dall’evento e probabilmente intensificherà l’attività scolastica. Inoltre anche i carraresi hanno mostrato interesse per nuove iniziative. Ci piacerebbe continuare a sviluppare ulteriori eventi, anche verso l’area di Pisa, ma ora chiudiamo questo bellissimo week end con i ringraziamenti di chi ci ha supportato: sponsor, istituzioni e volontari. La nostra associazione conta su 30 tesserati a cui si somma l’aiuto della società regionale IKPrato di Massimo Bianchi. Infine ci siamo avvalsi di tecnici di grande esperienza, giunti da Trentino e Veneto, che ci hanno permesso di superare brillantemente il test”. Le mappe diventeranno inoltre importanti strumenti per le attività con le scuole. All’evento toscano sono intervenuti ieri il presidente FISO, Sergio Anesi, i vice Stefano Bisoffi, l’assessore allo sport e turismo di Carrara, Lara Benfatto. Le  due giornate di gara andranno in onda il 26 settembre su Rai Sport con una sintesi di 30 minuti.

CLASSIFICA:

1 – Debertolis Mattia 00.36.10 U.S. PRIMIERO

2 – Mariani Francesco 00.38.03 POL. ‘G. MASI’

3 – Bettega Damiano 00.38.33 G.S. PAVIONE

4 – Dallavalle Roberto 00.38.43 GRONLAIT OR. TEAM

5 – Caraglio Michele 00.40.21 AGOROSSO OR. S. ALESSANDRO

6 – Inderst Sebastian 00.40.45 PARK WORLD TOUR ITALIA S.S.D.

WOMEN ELITE:

1 – Pradel Anna 00.42.06 U.S. PRIMIERO

2 – Pezzati Elena 00.43.13 FONZASO

3 – De Biasi Maddalena 00.45.14 OR. TARZO

4 – Scalet Nicole 00.49.22 U.S. PRIMIERO

5 – Zaffanella Guenda 00.50.31 OR. COMO

6 – Pozzebon Irene 00.52.11 POL. BESANESE