• Dom. Set 24th, 2023

Diari Toscani

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

Firenze: nuove occasioni per visitare le Cappelle medicee

DiSilvia Meacci

Apr 16, 2023

Fino a gennaio 2024 le occasioni di visita del museo statale delle Cappelle medicee si moltiplicheranno con aperture straordinarie grazie all’iniziativa dell’Opera Medicea Laurenziana, costituitasi nel lontano 1907 per restituire l’unità e il decoro antico al Complesso Mediceo Laurenziano: Basilica di San Lorenzo, Sacrestia Vecchia, chiostri, annessi monumentali, Biblioteca Medicea Laurenziana e Museo delle Cappelle Medicee. Volete conoscere i segreti della famiglia più celebre di Firenze che conta anche due papi, Leone X e Clemente VII? Storie di ricchezza, nobiltà, passioni, tradimenti, potere, religione?

Siete interessati alla vita di Michelangelo e alla sua maturità artistica? Sapevate che Michelangelo si rifugiò nel 1530 in una piccola stanza segreta dentro le cappelle perché si era schierato contro i Medici e a favore dei ribelli? Vi rimase per due mesi circa facendo schizzi, bozzetti e disegni alle pareti, ritrovati per caso nel 1975. Conoscerete anche la storia e il culto di San Lorenzo, martirizzato nel 258 durante la persecuzione dell’imperatore romano Valeriano. 

Consacrata nel 393 come cattedrale cittadina a Lorenzo, alla presenza di  Sant’Ambrogio e di San Zanobi, la basilica di San Lorenzo è stata luogo di culto fin dagli albori della città di Firenze. Allora si trovava fuori porta, adesso è nel centro storico, nell’omonimo e caratteristico quartiere con i negozi multiculturali, le bancarelle del famoso mercato popolare, le frotte di turisti e gli indaffarati abitanti. Ed è proprio per questo che la bellezza e la perfezione del complesso monumentale risultano ancora più stupefacenti in contrapposizione all’atmosfera verace, spontanea e spesso caotica delle strade attorno.

Nella parte absidale di San Lorenzo si trovano le Cappelle medicee con la Sagrestia Nuova e la Cappella dei Principi. La prima è la cappella funebre dei Medici, grande e innovativo capolavoro di Michelangelo, edificata tra il 1521 ed il 1534. È un luogo che desta stupore per l’armonia, la luce, le proporzioni. La cupola a cassettoni sovrasta il tutto e sembra un’anticipazione di quella di San Pietro a Roma.

La Cappella dei Principi risale invece ai primi anni del diciassettesimo secolo. Si tratta di un mausoleo monumentale tutto  in pietre dure dal cui sfarzo si resta inevitabilmente rapiti. Sapevate che l’antico Opificio delle Pietre dure, tuttora massimo istituto preposto all’insegnamento, al restauro e alla manutenzione delle opere d’arte, fu creato proprio perché il granduca necessitava di formare nuove maestranze per realizzare i preziosi intarsi con gli stemmi?

La cripta si trova al di sotto dell’altare centrale. Nel 1464 vi fu sepolto Cosimo de’ Medici, il primo signore di Firenze e qui riposano i granduchi della famiglia Medici e i loro familiari Lorena. La cripta conserva anche parte del tesoro della Basilica di San Lorenzo.

Da metà aprile il museo sarà aperto tutte le domeniche fino al 7 gennaio 2024 dalle 8:15 alle 19 (ovvero 5 ore in più dell’orario consueto). Il 25 aprile (dalle 8:15 alle 13:50, ingresso gratuito), il 2 giugno (dalle 8:15 alle 23), il 24 giugno, Patrono di Firenze, (dalle 8:15 alle 23) , il 15 agosto (dalle 8:15 alle 13:50 e dalle 19 alle 23) e il giorno di Santo Stefano (dalle 8:15 alle 19): sono le cinque festività durante le quali il Museo sarà aperto al pubblico in via eccezionale (nel caso del 25 aprile, 15 agosto e 26 dicembre che cadono di martedì, giorno di chiusura ordinaria delle Cappelle Medicee) o prolungata (come nel caso del 2 e 24 giugno), quando sarà possibile passeggiare tra i sepolcri medicei e i capolavori michelangioleschi fino a notte inoltrata.

In calendario sono state aggiunte altre date: aperto straordinariamente al pubblico i martedì 23, 30 maggio e 6 giugno (dalle 13:15 alle 18.50) e 13 giugno (dalle 08:15 alle 13:50). Sabato 13 maggio e giovedì 10 agosto, giorno in cui si festeggia San Lorenzo, l’orario sarà prolungato fino alle 23 (quindi aperto al pubblico dalle 8:15 alle 23), venerdì 5 gennaio 2024 dalle 8:15 alle 22.

Per gli orari ordinari consultare il sito: www.bargellomusei.beniculturali.it