• Mer. Dic 7th, 2022

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

Modi di dire e parole tipiche del dialetto carrarese (terza e ultima parte)

DiTiziana Telara

Nov 21, 2022

Terza e ultima parte Il dialetto carrarese ha una lunga serie di termini assolutamente propri e molto caratterizzanti. Quella che segue è una piccola catalogazione di parole tipiche con il loro significato.

Esempi di frasi in dialetto carrarese:

 A i ò dit la rasòn: gli ho detto la ragione, dove “ragione” sta per discorso, o ancora meglio “Mi sono fatto intendere”
A fian ‘l m’zin?: facciamo il mezzino? riferito alle sigarette
A l’è drita com la via d’ Codena: è tutta storta. La via che porta a Codena è piena di tornanti
A’l vorè duràta!: è l’ora di finirla
A la bon’ora: finalmente o di buon’ora detto con sarcasmo
A m’ sòn ròt i badòti: volgare, per indicare uno stato di insofferenza
A m’ ‘rman’ ‘n man: mi rimane in mano – scioglilingua
A uf an m’ stuf: ciò che è gratis non mi stanca
Atènt’ k’ t’ t’ tài: attento che ti tagli

Bela me Italia, com a l’è cunza mal: Bella la mia Italia, come è conciata male

Che zuchèd: che zuccone – Detto ad una persona che si comporta stranamente o che è dura di comprendonio. Com’ al ven, al ven: come viene, viene
Com’a vorè ch’a t’ fuss’ nat ‘nà pèc’ra: come vorrei che tu fossi nato una pecora, usato quando l’altra persona sta facendo disperare l’interlocutore
Cos a i è?: cosa c’è?
Cos t’ vò?: cosa vuoi?
Cos t’ a?: cos’hai?

 Fiss com un potò: fisso come un palo (il potò era uno dei pali più importanti della lizzatura), per indicare un oggetto stabile o, soprattutto, una persona che si fa trovare molto spesso in un certo luogo

Giò Pitipò, quel’ ch’i ved’ ì vò, se’i ved ‘na cagàta i vò dar ‘na licata, se al ved ìna pisciàta i vò dar ‘n’assaggiata: Giorgio Pitipò, vuole tutto quello che vede, se vede una cacca vuole dare una leccata, se vede la pipì vuole assaggiarla – Si dice, di solito, a persone viziate che vogliono provare qualsiasi cosa o a persone che si chiamano “Giorgio”

I dur’rà quant un zuchèd n’ boca a n’ porc: durerà quanto una zucchina in bocca a un maiale, ovvero durerà pochissimo

I en di chi scelti ‘n t el maz: sono di quelli scelti nel mazzo, inteso come: sono i peggiori
I fa la bòda con le’ là: fa la rana con quella là, ovvero fa la corte a quella ragazza
I magn pù bota che pan: mangia più botte che pane, riferito a ragazzini pestiferi oppure a persone che vengono continuamente picchiate
I magn’rè anc ‘l fisch al trèn: mangerebbe anche il fischio al treno, detto per intendere la voracità di qualcuno I pì i topì to pà?: scioglilingua, letteralmente Prende i topi tuo padre?
I vegn’n zu anc i bodeli/tarpon: vengono giù anche i ranocchi/i topi, detto quando piove tanto

La cava e la vita a l’en tuta ‘na salita: la cava e la vita sono tutta una salita – proverbio carrarese
L’alt’r dì: l’altro giorno
Le Grazie a l’ stan a Spezia: le Grazie stanno a Spezia, formula usata per rifiutare ringraziamenti (il paesino de “Le Grazie” è un borgo in provincia della Spezia
Lè lì a lè fora com ‘i terazi: quella lì è fuori come un terrazzo, per indicare persona che si comporta in modo strano, o un ubriaco o uno stupido

Maladit il porc: maledetto il porco, tipica frase che indica frustrazione, ansia o rabbia
Maladit ‘l can d’ gess’: maledetto il cane di gesso, come sopra
Ma mi lu’ lì cum i è cunz: ma guarda quello come è¨ vestito, per dire che è¨ vestito male
Ma a t’ cunvièn: tipica espressione che indica interessamento o sorpresa, nella scrittura identica all’italiano ma diversa nella cadenza. Usualmente è possibile sentirla alla stazione locale dei treni
Me al darè/ Me al chioch’rè: glielo darei – tipico apprezzamento per indicare una bella ragazza
Me mà a m’ dà: mia mamma mi picchia
Mèt’r ‘n tors’: mettere in ammollo
Mo’ a te ‘l diz me: ora te lo dico io, ma nel senso di “dare una lezione” a qualcuno
Mo’ anch i av’nzin i vodjn’ saper notar?: Ora anche gli abitanti di Avenza vogliono sapere nuotare? -chiaramente in segno di disprezzo
Mo’ m’ n’ vai a cà: ora vado a casa
Mo’ t’ l’à ‘n sacòcia: adesso sei fregato
Mo’ t’sen d’l gat’: ora sei del gatto cioè sei fregato
Mus a pipa: viso a pipa, detto di chi ha il naso o soprattutto il mento particolarmente prominente

N’do t’ va?: Dove vai?
N’do t’ la la forza?: Dove l’hai la forza?
N’ t’ sortir col carbòn a canèli: non te ne uscire con il carbone a cannelli (il carbone a cannelli era il carbone di qualità migliore) cioè non dire cavolate
Nesc ‘m po’ da rumpir i badòti: esci da rompere le scatole o levati di torno
Nè Bèlo o anche O Bèlo: letteralmente O Bello con tonalità interrogativa e scocciata, serve per evidenziare il proprio stato di disapprovazione in merito ad una data situazione
Nud e nato: nudo come appena nato

Oh ‘n mea!: ohimè
O n’ mea me: mamma mia
O ch’l’ om oppure O ch’la dòna: letteralmente “O quell’uomo/quella donna -variante di O belo

Par mil ani: letteralmente sembrano mille anni usato nel senso di Non vedo l’ora/meno male. Tipo: Al par mil ani ch al finisc la scola – non vedo l’ora che finisca la scuola detto da un ragazzo
Pì ‘n po’ ‘n pan’: prendi un po’ il pane
Pìn po’ ‘l paràcqua ch’ al piov’: Prendi un po’ l’ombrello che piove
Pìst’ chi: prendi questo – in genere, inteso più in senso morale che fisico. Quando un interlocutore “segna un punto” a suo favore in una discussione
Pìst’ chì e portl’ a cà: prendi questo e portalo a casa

Pogheti e sicureti: pochini ma sicuri, riferito ai soldi, variante del proverbio meglio un uovo oggi che una gallina domani
Pov’ra no: poveri noi

Su pr’ i bricchi: su per i monti, usato in senso dispregiativo per indicare luoghi lontani e difficilmente raggiungibili

T’ l’à ‘ntes?: l’hai sentito/capito/udito/assaggiato?
T’ mand tut in sicutòri: mandi tutto alla rovina, rompi tutto, detto a chi non tiene mai ferme le mani
T’ sen magr’ com’ n ch iuìn: sei magro come un uccellino, non mangi
T’ sen scèm com’ la fioròna: letteralmente: sei stupido come i fichi fioroni
T’ sen pròpi dur com ‘l mur: sei proprio duro come il muro, detto a chi si ostina a non capire
T’à capit?: hai capito?
T’ m’a rot i badòti: mi hai scocciato, mi hai rotto le scatole
T ‘a pù corni ch un cest d’ lumacheli: hai più corna che una cesta di lumache, detto a chi è stato tradito più di una volta
T’ à tut unt e t ‘à tut tint un tac: scioglilingua, letteralmente Hai un tacco tutto unto e tutto tinto
T’a ‘ncamò f’nit?: non hai ancora finito, inteso come lamentela
Timilì timilèra: usato come intercalare, significa tra una cosa e l’altra
Trinz com l’tabàc: trinciato come il tabacco, ovvero ridotto male, oppure al verde, senza soldi

Zup colènt: bagnato fradicio, letteralmente sarebbe “zuppo colento”.

Prima parte

Seconda parte