• Dom. Ago 7th, 2022

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

W le donne: la sindaca di Carrara, Serena Arrighi, fa una giunta a maggioranza femminile

DiVinicia Tesconi

Lug 14, 2022

Ha parlato di parità di genere, la neosindaca di Carrara, Serena Arrighi, nell’introdurre l’annuncio dei nomi degli assessori che comporranno la sua giunta, ma, l’impressione è più quella di una sorta di “pareggiamento” di conti col trend del passato, perché dopo decenni di giunte a stragrande maggioranza maschile, quella che si insedierà il 18 luglio a Carrara, sarà una giunta sicuramente per metà femminile, con la possibilità di diventare la prima giunta a maggioranza femminile della storia della città.
Dei sei assessorati assegnati, tre sono andati a donne e tre avranno una guida maschile, ma con la presenza della sindaca, le donne, al momento, sono in maggioranza.
Se il  settimo assessorato, ancora vacante, che la sindaca ha detto di riservarsi di assegnarlo in un secondo momento, dovesse andare a una donna,  come sembrerebbe, almeno secondo il toto-nomi più accreditati, gli uomini, a questo giro, resterebbero in minoranza. Il criterio scelto per le assegnazioni, arrivate dopo ben 18 giorni dalla vittoria alle elezioni amministrative, è stato quello della capacità di lavorare in team, come ha spiegato la sindaca Arrighi: “Ho assegnato le deleghe principali. In seguito definirò anche le secondarie. Il mio obiettivo era di dare incarichi a persone che possano essere operative già dal prossimo lunedì perché il lavoro che dobbiamo affrontare sarà molto intenso e impegnativo – ha detto Arrighie io mi aspetto che la squadra che ho scelto, che è una bella squadra, sappia farlo bene e soprattutto sappia lavorare in team. Questo è il criterio con cui sono stati scelti ed anche quello che ho già attivato anche con i dirigenti e con i dipendenti degli uffici comunali chiedendo di usare un metodo basato sulla condivisione e sulla partecipazione di più settori sulle varie tematiche”.
Arrighi ha spiegato che  ci sarà un controllo molto severo sull’operato degli assessori: “Ognuno di loro avrà obiettivi che verranno misurati ogni sei mesi e schede di autovalutazione per monitorare l’andamento del proprio lavoro anche prima della scadenza di verifica. Io li spaventerò perché l’impegno che assumono è di grande importanza civile e non va preso come un’esperienza che gratifica per la qualifica ottenuta”.
Ecco allora la squadra presentata da Arrighi: a se stessa, la sindaca ha riservato le deleghe al marmo, alla gestione del personale, ai servizi informatici e all’innovazione tecnologica. Vicesindaca sarà Roberta Crudeli, responsabile del reparto infermieristico di oncologia del Delle Apuane e una lunga esperienza come consigliera comunale, che avrà anche le deleghe alla sanità e ai servizi sociali. Il rappresentante dei repubblicani Moreno Lorenzini, ingegnere,  avrà l’assessorato all’urbanistica e ai progetti speciali e la sindaca ha specificato che comprenderà tutto ciò che riguarda il PNRR e l’articolo 21. Assessora alla cultura sarà Gea Dazzi, insegnante, scrittrice e curatrice di eventi culturali. Lara Benfatto, da anni impegnata in eventi di promozione sociale,  avrà l’assessorato allo sport. Nessuna novità rispetto alle voci che si sono rincorse per giorni sulla presenza di Mario Lattanzi, avvocato tributarista, che avrà l’assessorato al bilancio, tributi e demanio e conferma, rispetto ai rumors, anche per Carlo Orlandi, esperto di management, come assessore alle partecipate e allo sviluppo economico.
La sindaca ha poi specificato che nei prossimi giorni assegnerà delle deleghe a dei cittadini, tra cui quella delle politiche giovanili che verrà  data a un giovane.
Arrighi ha anche confermato che l’assessorato mancante andrà a un rappresentante del Psi, il partito che negli ultimi giorni prima del ballottaggio si è staccato dalla coalizione con Cosimo Ferri che aveva scelto di appoggiare il candidato del centro destra, per spostare i propri consensi sulla candidata del Pd: “La figura non è stata ancora individuata – ha specificato Arrighi – perché al momento i membri del Psi locale sono impegnati nel congresso nazionale del partito”.
Infine la neosindaca ha voluto ricordare che la sua squadra è formata da persone competenti anche se, quasi tutte nuove rispetto ai ruoli amministrativi.