• Mar. Giu 28th, 2022

Giornale di cultura, viaggi, enogastronomia e società

Echinopsis: il cactus che sembra un riccio di mare

DiCristina Maioglio

Apr 16, 2022

Echinos è la parola greca che significa riccio di mare, ma che veniva anche usata per indicare una parte del capitello delle colonne doriche, proprio perché aveva la forma concava di un riccio. Echinopsis, nome scientifico di una delle più diffuse cactacee, significa, appunto “a forma di riccio di mare”, sebbene la somiglianza tra la pianta e il mollusco stia principalmente nella presenza delle spine e non proprio nella forma ricurva. L’Echinopsis venne individuata nel 1837 in sud America e si diffuse rapidamente nel resto del mondo grazie alla sua capacità di sopravvivere sia in ambienti umidi come le foreste, sia in ambienti aridi come i deserti. Ha un fusto globuloso, in genere molto allungato con costolature che presentano areole spinate, che sarebbero le foglie della pianta. La particolarità principale dell’Echinopsis è la fioritura: brevissima, spettacolare, straordinaria. L’Echinopsis, infatti, fiorisce, spesso, per un solo giorno o, addirittura una sola notte, ma produce fiori molto grandi, arrivano anche a 20 centimetri di diametro, di forme e colori assai appariscenti e molto profumati. Le fioriture, però si possono ripetere più volte. La pianta, che può avere anche la forma a palla, tende a creare cespugli, ma può crescere anche isolata. Esistono 130 specie diverse di Echinopsis, gran parte delle quali riconosciute appartenenti a questa famiglia, e quindi tolte alle specie a cui erano state attribuite, negli anni ’70. È la specie di succulente che viene usata per fare gli innesti con piante che siano compatibili.

L’Echinopsis ama la luce diretta del sole. Si può facilmente coltivarla anche in vaso ma bisogna ricordare di esporla all’aria nei mesi estivi e di mantenere sempre asciutto il terriccio. Per questo si deve annaffiare la pianta solo quando il terreno è secco.

Come tutti i cactus ha un significato fortemente legato alla capacità di resistere alle avversità, ma, per le sue fioriture particolari, l’Echinopsis è diventata anche il simbolo della caducità dei sentimenti.

© Foto di Cristina Maioglio